Prenota
la tua stanza

Fitness e Sport

Pianoro del Mottolone

09 Settembre 2022

Terrazza naturale con spettacolare vista sui Colli Euganei.

Può sicuramente essere considerato tra i punti panoramici più spettacolari, suggestivi e anche più romantici, dei Colli Euganei.

Facile da raggiungere, sia a piedi che in auto, non esiste la stagione giusta o l'orario migliore per goderne lo spettacolo, perché ogni volta è incredibile. Il tramonto regala la classica atmosfera da golden hour, la Primavera incanta con le sue fioriture, mentre l'Autunno stupisce con l'inversione termica.

Attenzione però: oltre ad essere il più suggestivo è anche il più famoso, pertanto il consiglio è quello di evitare i giorni di maggior affluenza, come le domeniche o i festivi.

Stiamo parlando del Pianoro del Mottolone, un'altura caratterizzata dalla sommità pianeggiante situata qualche chilometro sopra l'abitato dell'antico borgo di Arquà Petrarca.

Una terrazza naturale posta sul crinale del Monte Mottolone, dalla quale si possono ammirare in direzione sud-ovest le cime dei seguenti colli (in sequenza da destra verso sinistra): il monte Rusta ricoperto da un fitto bosco, il Gemola riconoscibile per la presenza sulla sua sommità del complesso di Villa Beatrice d'Este, il monte Cero con le antenne, ed infine il monte Castello. Questi ultimi due monti sono collegati tra di loro da una piccola sella in cui svetta l'esile campanile di Calaone, molto ben visibile da questa angolatura.

Verso nord il panorama è dominato dalla più alta cima degli Euganei, il monte Venda, affiancato a sinistra dal monte Vendevolo e a destra dal monte Rua, sulle cui pendici si distingue facilmente l'omonimo monastero Camaldolese.

Come raggiungerlo

Il Pianoro del Mottolone è raggiungibile in macchina, lungo la stretta e ripida strada carrabile che collega Arquà Petrarca con Faedo, oppure a piedi o in mountain bike dal centro di Arquà Petrarca, o ancora attraverso uno dei sentieri escursionistici risalendo i versanti del monte Ventolone o del vicino monte Fasolo.

Noi ovviamente consigliamo di raggiungerlo a piedi per godere a pieno della natura e del paesaggio.

L'ambiente in quest'area è molto particolare ed è caratterizzato dalla presenza di un suolo molto arido e dalle rocce chiare e friabili della scaglia rossa. Tutto attorno si estendono prati chiamati "vegri", dominati da piante basse e piccoli arbusti tipici della macchia mediterranea, come la ginestra, la rosa canina e il corbezzolo. In primavera ed estate i prati offrono straordinarie fioriture in cui si avvistano frequentemente diverse varietà di orchidee. Più a valle i pendii sono invece ricoperti da ordinate coltivazioni di uliveti e vigneti.

Il Pianoro del Mottolone da Arquà Petrarca

Puoi lasciare l'auto nel parcheggio di Via Fontana e incamminarti attraverso le vie del paese.

Dirigiti in salita verso la Casa del Petrarca in Via Valleselle e sorpassala, tenendola sulla destra. Da qui cammina lungo la via in leggera discesa lasciando il paese alle spalle.

Raggiunto un bivio, dove a sinistra si va in una casa e a destra c'è un sentiero con cancello di proprietà privata, vai a destra superando il cancello al lato e segui la segnaletica CAI sugli alberi salendo tra gli ulivi e ammirando i primi panorami sul borgo.

Prosegui la salita incrociando la strada asfaltata di Via Marlunghe dove si trovano nuovamente le indicazioni Cai che segnalano di proseguire verso destra lungo la strada di via Scalette. Vai a sinistra e continua sulla strada fino ad arrivare al Pianoro del Mottolone. 

Calcola circa 40-45 minuti dal centro di Arquà.

Il Sentiero Atestino 

Dal Pianoro del Mottolone puoi seguire verso il facile sentiero del Monte Fasolo oppure allungare il giro lungo il sentiero Atestino n° 3, un giro ad anello di una giornata intera (circa 7 ore per 22 km).